MOXA

MOXA

Siamo soliti affidarci ad un farmaco per ogni disturbo o sintomo che ci si presenta, perché il dolore non è una sensazione particolarmente gradevole e se possibile, cerchiamo di evitarlo. Siamo tutti d’accordo sul fatto che provare dolore non è una cosa piacevole. Trovare soluzioni per allievarlo è giusto e utile.

E se ci fossero antichi rimedi, ormai dimenticati, per alleviare il dolore? Purtroppo non esiste una panacea per tutti i mali, ma esistono tecniche antiche che aiutano ad alleviare il dolore in maniera del tutto naturale.

Mi riferisco alla moxa, uno dei possibili rimedi che si possono utilizzare per alleviare i dolori muscolari e articolari, le contratture, le manifestazioni da freddo (quando diciamo “ho preso freddo”), difficoltà digestive o blocchi di varia natura.

Cos’è la moxa?

La moxa è una tecnica che utilizza la pianta di artemisia, conosciuta anche come erba di San Giovanni. Moxa è un termine che deriva dal giapponese “moekusa” ovvero erba che brucia. E proprio di questo si tratta: l’artemisia viene compressa e utilizzata sotto diverse forme che attraverso il calore del fuoco sprigiona le sue proprietà.

I benefici della moxa

La moxa è molto conosciuta nelle discipline orientali, in particolare nella medicina tradizionale cinese. Al pari dell’agopuntura, riconosciuta e usata in Italia dai medici, anche la moxa è una tecnica che viene utilizzata per alleviare i disturbi e spegnere la causa. Alla base dell’utilizzo della moxa, vi è un’attenta analisi da parte di un esperto in medicina tradizionale cinese. Per ottenere reale beneficio è necessario che la valutazione venga fatta correttamente.

Si trova spesso sotto forma di “sigari” ovvero di bastoncini di artemisia oppure sotto forma di piccoli coni: a seconda della zona da trattare e del risultato che si vuole ottenere, si utilizza l’uno o l’altro formato

I benefici della moxa sono molteplici, essa può essere utilizzata in caso di:

  • contratture muscolari
  • tensioni al collo o alle spalle
  • blocco digestivo
  • infiammazione dovuta a liquidi trattenuti
  • dolori mestruali
  • feto podalico

Attraverso la bruciatura dei sigari di moxa o dei coni, definita moxibustione si ottengono benefici a livello superficiale e profondo.

Come l’agopuntura, gli effetti della moxa sono evidenti sul sintomo che pian piano va migliorando e sulla causa interna che lo ha scatenato. La moxa viene applicata in specifici punti di agopuntura e lungo il percorso dei meridiani per ottenere un beneficio più duraturo e completo. Ovviamente viene trattata anche la parte interessata, come ad esempio la zona della schiena dolente o la zona dello stomaco in caso di blocco digestivo o difficoltà a digerire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *